Via Brasavola 19, 44121 Ferrara - tel. 0532 740825 - caritasfe@libero.it

 

Che cos'é
Il Servizio Civile Nazionale (SCN) è un'esperienza di cittadinanza attiva che lo Stato propone alle nuove generazioni attraverso le amministrazioni pubbliche, le organizzazioni non governative e le associazioni no profit iscritte all'Albo nazionale degli Enti di servizio civile (istituito presso  l'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, organo della Presidenza del Consiglio dei Ministri) o ad uno degli albi regionali (istituiti in ogni Regione in seguito al decentramento delle competenze statali in materia di SCN, previsto dal Decreto legislativo  5 aprile 2002, n. 77).
Prevede il coinvolgimento dei giovani  di età compresa tra i 18 e i 28 anni nella realizzazione di progetti sociali di pubblica utilità, per un periodo della durata di 12 mesi.
Ai sensi della legge n. 64 del 6 marzo 2001 (Istituzione del servizio civile nazionale), tutti i progetti di servizio civile, pur nella diversità degli obiettivi specifici propri di ciascun Ente, rispondono alle seguenti finalità generali:
  • concorrere, in alternativa al servizio militare, alla difesa della Patria con mezzi ed attività non militari;
  • favorire la realizzazione dei principi costituzionali di solidarietà sociale;
  • promuovere la solidarietà e la cooperazione, a livello nazionale ed internazionale, con particolare riguardo alla tutela dei diritti sociali, ai servizi alla persona ed alla educazione alla pace fra i popoli;
  • partecipare alla salvaguardia e tutela del patrimonio della Nazione, con particolare riguardo ai settori ambientale, storico-artistico, culturale e della protezione civile;
  • contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani.
Il riferimento alla difesa della Patria con mezzi e attività non militari qualifica il servizio civile come strumento di pace e rimanda alla cultura della nonviolenza che ha contraddistinto la storia del servizio civile in Italia. In essa  l’opposizione alla guerra si associa alla lotta contro le ingiustizie e le discriminazioni sociali e alla promozione della democrazia dal basso per la diretta e responsabile partecipazioni di tutti i cittadini alla gestione delle risorse materiali e culturali della comunità.
Il richiamo ai principi costituzionali di solidarietà sociale rimanda ad alcuni dei più importanti articoli della Costituzione della Repubblica italiana nei quali si radica lo spirito di partecipazione proprio del SCN:
  • il riconoscimento dei diritti umani e l'adempimento dei doveri di solidarietà politica, economica e sociale (art. 2);
  • la rimozione degli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione alla vita politica, sociale ed economica del paese (art. 3);
  • il dovere di concorrere al progresso materiale e spirtuale della società (art. 4);
  • il ripudio della guerra (art. 11);
  • il dovere di difendere la Patria (art. 52).
Il valore formativo che la legge attribuisce al SCN è essenzialmente basato sull’esperienza, secondo il principio dell'imparare facendo.
I progetti di servizio civile prevedono la costituzione di un gruppo di lavoro all’interno del quale i giovani operano quotidianamente a stretto contatto con personale qualificato per il conseguimento di obiettivi condivisi, secondo ruoli e regole predefinite.
All’interno del gruppo i giovani sperimentano i propri limiti e le proprie potenzialità relazionali, hanno modo di sviluppare competenze nuove e approfondire la conoscenza dei contesti sociali in cui i progetti si realizzano.
Un anno di servizio civile può rappresentare per un giovane un periodo di crescita personale, orientamento alle scelte future, arricchiemento e integrazione del proprio percorso di studi, avvicinamento al mondo del lavoro.
Istituito nel 1972 come alternativa al servizio militare, dal 1° gennaio 2005, con la sospensione dell'obbligo di leva, al SCN possono accedere sia i maschi che le femmine su base esclusivamente volontaria, mediante la partecipazione alla selezione indetta dall'UNSC tramite un bando nazionale (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale).

Chi può fare il SCN
Possono partecipare alla selezione tutti i giovani, senza distinzione di sesso, che alla data di presentazione della domanda siano in possesso dei seguenti requisiti:
  • abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno d'età (28 anni e 364 giorni);
  • siano in possesso della cittadinanza italiana o di un regolare titolo di soggiorno in Italia;
  • godano dei diritti civili e politici;
  • non siano stati condannati con sentenza di primo grado per delitti non colposi commessi mediante violenza contro persone o per delitti riguardanti l'appartenenza a gruppi eversivi o di criminalità organizzata;
Potranno essere richiesti, da parte degli Enti, ulteriori specifici requisiti connessi all'attuazione dei singoli progetti.

Caratteristiche dei progetti di SCN
Titolari dei progetti di SCN sono gli Enti di Servizio Civile iscritti all'Albo nazionale o ad uno degli albi regionali. Essi presentano i propri proggetti all'Unsc o alla Regione di competenza (in ragione del numero e della distribuizone territorioale delle sedi di attuazione), i quali ne valutano la rispondenza alle finalità generali del SCN, la rilevanza sociale, e la sostenibilità, selezionando tra tutti i progetti pervenuti quelli che esrpimo una maggiore qualità sociale e organizzativa.
Il servizio civile nazionale dura 12 mesi e prevede un impegno  pari a 30 ore settimanali, distribuite in 5 o 6 giorni di servizio a settimana.
É previsto un rimborso mensile di 433,80 euro (cui si aggiunge un'indennità giornaliera di 15 euro per chi svolge servizio all'estero).
L'attività svolta non determina l'istaurarsi di un rapporto di lavoro.
I settori all’interno dei quali si svolgono i progetti di Servizio Civile sono:
● assistenza
● protezione civile;
● ambiente;
● patrimonio artistico e culturale;
● educazione e promozione culturale;
● servizio civile all’estero.

Le radici del SCN
Il Servizio civile nazionale affonda le sue radici nella storia dell'obiezione di coscienza al servizio militare.
Per motivi religiosi, etici o politici, in misura crescente dal secondo dopoguerra fino ai primi anni '70, molti giovani hanno affrontato il carcere in seguito al rifiuto da loro opposto all'obbligo di prestare servizio nell'esercito.
Prima del 1972 per i cittadini maschi soggetti all'obbligo della leva e riconosciuti idonei all'arruolamento non era prevista alcuna alternativa al servizio militare e il rifiuto di indossare la divisa era penalmente perseguito.
Nel 1972 è stata emanata la prima legge italiana (Legge 15 dicembre 1972, n. 772) per il riconoscimento dell'obiezione di coscienza e l'istituzione di un servizio civile alternativo a quello militare.
Negli anni successivi la pari dignità del servizio civile e del servizio militare, diversi per natura ma entrambi rispondenti al 'sacro dovere' di difendere la Patria, è stata riconosciuta prima dalla Corte Costituzionale e poi dal Parlamento (Legge 8 luglio 1198, n. 230).
L'esperienza storica dell'obiezione di coscienza si conclude con  la sospensione della leva obbligatoria (prevista nel 2001 ed effettiva dal 1° gennaio del 2005) cui è seguita l'istituzione del nuovo servizio civile volontario (Legge 6 marzo 2001, n. 64). Restano tuttavia attuali nel servizio civile le istanze sociali di cui gli obiettori di coscienza si sono fatti promotori: la cittadinanza attiva, fondata sull'impegno personale per il bene della collettività, e la nonviolenza come valore di riferimento e modalità di azione per promovere la giustizia e i valori comuni intorno ai quali  la Patria si costituisce.

Come partecipare
L'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile emana annualmente uno o più bandi per la selezione di un numero predeterminato di volontari e volontarie da impiegare nei progetti di servizio civile presentati dagli Enti convenzionati.
Si può presentare domanda per un solo progetto, entro i termini stabiliti dal bando. La domanda deve essere presentata direttamente all'Ente titolare del progetto prescelto, utilizzando la modulistica predisposta dall'UNSC.
Il percorso di accesso ai progetti di servizio civile della Caritas Diocesana prevede:
  • un colloquio preliminare con il responsabile diocesano del servizio civile per un primo livello di conoscenza della proposta Caritas, anche nei suoi aspetti normativi e istituzionali (disciplina del servizio civile nazionale);
  • la visita alle sedi di servizio e l'incontro con gli operatori per conoscere il contesto e il gruppo di lavoro nel quale i volontari saranno inseriti, con la possibilità di svolgere un periodo di prova (facoltativo);
  • la partecipazione al corso propedeutico per la selezione ufficiale dei candidati: il programma del corso, condiviso a livello regionale dalle Caritas diocesane emiliano-romagnole, prevede la partecipazione dei canditati ad attività di gruppo e ad un colloquio individuale con un selettore accreditato.

Per saperne di più
Per saperne di più sulla natura del servizio civile regionale, leggi la Carta di impegno etico del servizio civile nazionale.
Per saperne di più sull'organizzazione del servizio civile regionale, leggi il Prontuario concernente la disciplina dei rapporti tra enti e volontari del servizio civile nazionale.
Per essere sempre aggiornato sulle iniziative, gli eventi, le novità relative al servizio civile visita i siti:
Serviziocivile.it - sito dell'Ufficio nazionale per il servizio civile;
Essecciblog.it - sito  del Tavolo ecclesiale sul servizio civile;
Coprescferrara.it  - sito del Coordamento provinciale degli enti di servizio civile.

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

 

La presente Cookie Policy è relativa al sito CARITAS FERRARA (“Sito”) gestito e operato da Caritas Diocesana di Ferrara - Comacchio, con sede in via Brasavola 19 - 44121 Ferrara (FE) Italia, P.IVA / COD.FISC. 93009040382

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

 

Cookies tecnici

 

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

 

Tipologie di cookies utilizzati

 

Cookies di prima parte:

 

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

 

Cookies di terzi:

 

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

 

Cookies di sessione:

 

I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre CARITAS FERRARA utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. CARITAS FERRARA non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; CARITAS FERRARA a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di CARITAS FERRARA si applica solo al Sito come sopra definito.

 

Cookies persistenti:

 

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

 

Cookies essenziali:

 

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

 

Cookies funzionali:

 

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

 

Cookies di condivisone sui Social Network:

 

Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

 

1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale

 

Provenienza CARITAS FERRARA

Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)

Durata Cookie persistente

 

2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale

 

Provenienza CARITAS FERRARA

Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)

 

3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale

 

Provenienza CARITAS FERRARA

Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)

 

Come modificare le impostazioni sui cookies

 

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da CARITAS FERRARA.