Via Brasavola 19, 44121 Ferrara - tel. 0532 740825 - caritasfe@libero.it

 

In evidenza

L'ambulatorio della Caritas a Ferrara

video realizato per il 7° rapporto  delle Caritas diocesane dell'Emilia Romagna

Ambulatorio

 

Le ragazze di Casa Betania

ritratti di Stefano Pesaro e Federica Veronesi

Le ragazze di Casa Betania 2

 

Landless Men - Uomini senza terra

il progetto fotografico di Vittorio Colamussi

Landless men

 

Il pane quotidiano: 20 anni di mensa Caritas

video prodotto da Marco Serafino 

Amelia Remi Susanna


logo amicicaritas-3
 
 
logo caritasitaliana
 
 
 logo top green
 
 
logo copresc
 
 
 agire sociale
 
 
  servizio civile 0
 
  OTT COOP MENOSPRECO
 
 
 
 
 
A partire da quest’anno nel nostro paese si sta profilando concretamente la possibilità di un diverso modo di intendere la lotta alla povertà. La Legge di stabilità 2016 (legge n. 208 del 28 dicembre 2015; commi 386-390), ha infatti previsto per la prima volta stanziamenti strutturali in tema di contrasto alla povertà, superando la logica delle sperimentazioni e degli interventi una tantum degli ultimi anni. Per la prima volta il Governo ha introdotto una misura di contrasto alla povertà indirizzata alle famiglie in difficoltà con figli che beneficeranno di risorse economiche e reti di sostegno per costruire percorsi di attivazione sociale e lavorativa. Si tratta del SIA (Sostegno all’Inclusione Attiva), approvato con decreto interministeriale il 26 maggio scorso (.pdf) e per il quale sono stati stanziati 750 milioni di euro ripartiti a livello regionale in base alle condizioni di povertà e disagio economico della popolazione in ogni singola area (vedi tabella regioni - .pdf).
 
famigliaChe cos’è il SIA
Come per la sperimentazione della Nuova Social Card, questa misura prevede l’erogazione a famiglie in condizioni disagiate con un minore o un figlio disabile o con una donna in gravidanza accertata, di un contributo economico condizionato all’adesione ad un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa. Per accedere al SIA è necessario rispondere ad alcuni requisiti:
  • cittadinanza italiana, comunitaria o straniera con alcuni requisiti (essere familiari di cittadini comunitari con diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente, oppure stranieri con permesso CE di lungo periodo);
  • residenza in Italia da almeno due anni;
  • presenza nel nucleo di un minore o di un disabile e di un suo genitore o di una donna in gravidanza accertata;
  • ISEE del nucleo pari o inferiore a 3.000 euro;
  • valore complessivo degli altri trattamenti (previdenziali, indennitari, assistenziali) inferiore a 600 euro mensili;
  • non percezione di sostegni al reddito per i disoccupati (NASPI e ASDI);
  • mancato possesso di autoveicoli immatricolati nei dodici mesi precedenti alla presentazione della domanda oppure di autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc o di motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei tre anni precedenti.
caratterizzare il SIA è il fatto che esso preveda, attraverso la costituzione di équipe multidisciplinari (costituite da una pluralità di soggetti sociali, tra cui il terzo settore):
  1. una valutazione multidimensionale del bisogno;
  2. una pianificazione concertata dell’intervento di accompagnamento con progetti personalizzati;
  3. l’attivazione di un sistema coordinato di interventi e servizi sociali.
Le modalità attraverso cui realizzare i progetti personalizzati di accompagnamento sono precisate nelle Linee guida per il Sostegno per l’inclusione attiva (.pdf), approvate dalla Conferenza unificata e diffuse nello scorso febbraio dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (sintesi .ppt).
 
Come funziona il SIA
Dal 2 settembre i cittadini in possesso dei requisiti possono presentare richiesta ai Comuni, compilando l’apposito modulo scaricabile sul sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (messaggio n. 3275 - .pdf). I Comuni, dopo aver effettuato la verifica sul requisito della residenza, provvederanno a comunicare entro 15 giorni all’Inps, che è il soggetto attuatore, le richieste pervenute. L’Inps darà comunicazione ai Comuni per via telematica dell’elenco dei nuclei che rispondono ai requisiti e che riceveranno il contributo loro spettante a partire dal primo bimestre successivo a quello di presentazione della richiesta. Il contributo, calibrato in base alla numerosità del nucleo, viene accreditato per un anno con cadenza bimestrale sulla carta SIA rilasciata dal gestore del servizio, Poste Italiane (tabella importi - .pdf). Entro 60 giorni dall’accreditamento del contributo del primo bimestre (entro 90 giorni per le richieste pervenute fino al 31 ottobre 2016), i Comuni dovranno predisporre, attraverso la costituzione di equipe multidisciplinari e in accordo con i nuclei beneficiari, dei progetti personalizzati di attivazione sociale e lavorativa che i nuclei beneficiari sono chiamati a seguire, pena la sospensione del contributo economico.
 
Sul versante dei Comuni, il decreto n. 229/2016 del 3 agosto 2016 ha stabilito, con l’Avviso pubblico N.3/2016, che questi possono accedere alle risorse assegnate alle Regioni nell’ambito del PON Inclusione finanziato dai Fondi Sociali Europei (quasi 500 milioni di euro), presentando entro il 30 dicembre 2016, progetti finalizzati a:
  • il rafforzamento dei servizi sociali;
  • interventi socio-educativi e di attivazione lavorativa;
  • la promozione di accordi di collaborazione in rete.
Per ulteriori informazioni sul Bando per i comuni, cliccare qui per l'HELP DESK SIA.
 
logocaritasItalianaIl coinvolgimento delle Caritas
Oltre che per la sua importanza intrinseca come misura di contrasto alla povertà, il SIA proprio in virtù di questo approccio basato sulla concertazione e la co-decisione da parte dei soggetti territoriali coinvolti (servizi sociali, istituti scolastici, centri per l’impiego, ecc.) rappresenta una opportunità di ridefinizione delle modalità di intervento a livello locale sulla povertà, che va sfruttata e adeguatamente monitorata. È un primo passo verso l’entrata in vigore del REI (Reddito di Inclusione) previsto nel disegno di legge delega sulla povertà di cui è in corso l'iter parlamentare e che dovrebbe essere approvato entro l’anno. In particolare, in questa fase le Caritas diocesane potranno muoversi nelle seguenti direzioni:
  • verificare se e con quali modalità i Comuni del territorio abbiano dato comunicazione della partenza della misura;
  • verificare se siano stati costituiti tavoli di lavoro e se la Caritas diocesana sia stata coinvolta;
  • stimolare un primo confronto con l’amministrazione locale attraverso momenti di interlocuzione ad hoc;
  • svolgere un’azione informativa presso le persone che accedono ai centri di ascolto e ai propri servizi, verificando l’esistenza dei requisiti di base per l’accesso da parte di questi ultimi alla misura (presenza di figli minori, di persona disabile con almeno un genitore e di una donna in stato di gravidanza accertata) ed eventualmente orientando alla rete dei soggetti territoriali (servizi sociali o Caf) in grado di supportare le persone nella compilazione della domanda;
  • partecipare al processo di costituzione delle equipe multidisciplinari da parte dei Comuni per la definizione dei progetti personalizzati di presa in carico;
  • valorizzare, all’interno dei processi di presa in carico e in sinergia con gli altri soggetti del terzo settore coinvolti, le iniziative e attività promosse a livello diocesano sul tema dell’orientamento al lavoro, della prevenzione e cura della salute e della frequenza scolastica, attraverso la stipula di convenzioni o accordi appositi con l’amministrazione comunale per l’affidamento di alcune di queste attività;
  • partecipare alle attività di monitoraggio/valutazione della misura eventualmente previste da Caritas Italiana o da altri enti.
In conclusione…
Si inaugura dunque una stagione complessa che sarà sicuramente segnata da difficoltà e ritardi, ma di cui si deve cogliere la dimensione di opportunità per far fare un deciso passo in avanti al nostro sistema di protezione sociale ad oggi debole e incompleto, che non ha retto all’urto della crisi economica, lasciando scivolare in povertà migliaia di famiglie. Difendere questo percorso è un nostro dovere, senza rinunciare alla critica, se necessario, ma cogliendo l’occasione per mobilitarsi in maniera costruttiva e realistica nella prospettiva di un cambiamento possibile nel tempo che ci è dato di vivere. Questo processo è dunque una finestra di opportunità da cogliere in pieno. Per questo c’è bisogno di capire cosa sta avvenendo nella propria realtà locale, discernere il ruolo delle Caritas diocesane e verificare lo stato di avanzamento di questi processi, sviluppare un’azione informativa e di coordinamento, contestualmente ad un’azione di pressione istituzionale. Solo in questo modo si potrà non solo prendere parte attivamente a questo processo, ma anche offrire un contributo significativo e utile al suo complessivo miglioramento.

CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Cookie Policy

 

La presente Cookie Policy è relativa al sito CARITAS FERRARA (“Sito”) gestito e operato da Caritas Diocesana di Ferrara - Comacchio, con sede in via Brasavola 19 - 44121 Ferrara (FE) Italia, P.IVA / COD.FISC. 93009040382

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

 

Cookies tecnici

 

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.

La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

 

Tipologie di cookies utilizzati

 

Cookies di prima parte:

 

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

 

Cookies di terzi:

 

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

 

Cookies di sessione:

 

I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre CARITAS FERRARA utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. CARITAS FERRARA non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; CARITAS FERRARA a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di CARITAS FERRARA si applica solo al Sito come sopra definito.

 

Cookies persistenti:

 

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.

 

Cookies essenziali:

 

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

 

Cookies funzionali:

 

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

 

Cookies di condivisone sui Social Network:

 

Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

 

1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale

 

Provenienza CARITAS FERRARA

Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)

Durata Cookie persistente

 

2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale

 

Provenienza CARITAS FERRARA

Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)

 

3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale

 

Provenienza CARITAS FERRARA

Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)

 

Come modificare le impostazioni sui cookies

 

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.

E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da CARITAS FERRARA.